La ricetta per un profumatissimo Didò fatto in casa.

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Oggi siamo felici di ospitare Miriam de “la Cynique Romantique” . Miriam vi stupirà con effetti speciali, vi svelerà come fare un Didò profumoso e colorato a casa vostra. Questa ricetta è stata rubata a Cecilia e Silvia dell’Associazione L’Arco Onlus di Passignano sul Trasimeno, una casa famiglia che ospita 10 bimbi di varie età e perciò ogni giorno si devono inventare miriadi di cose nuove da  fare e giocare! Il Didò è una di queste, e a noi piace tantissimo.

Grazie!

Chi di noi non ha mai giocato con il Didò? Chi non si è mai disperata per aver mischiato i colori per sempre (nooooo!) o per essere andata zompettando verso la scatola per scoprire di averla lasciata aperta e di avere più che Didò cemento armato.

 Come tutti i giochi manuali la pasta colorata stimola fantasia e creatività, impone ai bambini di andare oltre agli schemi inventando e reinventando le forme che creano. Perché non lavorare insieme su creazione e manualità già dalla nascita del Didò? Se vi sembra impossibile continuate a leggere perché (eh sì) ora vi diamo la ricetta!

Unite farina, acqua, cremore di tartaro (il nome è difficile, ma è solo un agente molto lievitante) vanillina, e mescolate fino a ottenere un impasto omogeneo.

Aggiungete il colorante alimentare che preferite e continuate a mescolare.

Versate il composto in una pentola antiaderente, aiutatevi con un cucchiaio di legno. Noterete che piano a piano che il composto ‘cuoce’ si vanno a formare dei grumi, non temete, sta funzionando! Girate (diventa sempre più duro!) fino a quando non avrete una grossa palla di Didò.

 Fate raffreddare la pasta lavorandola su un piano.

Il Didò è fatto! Completamente atossico, dal buon profumo di vaniglia, è pronto per i giochi di tutti.

Unisciti alla discussione

12 commenti

  1. io ne facevo uno anemico che la Bebel snobbava…Inizia una nuova era ! Didò per tutti ! Bellooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

  2. bella l’idea della vanillina! io avevo usato più o meno la stessa ricetta ma non avendo i coloranti alimentari avevo usato zafferano e cacao!

  3. lo proverò di sicuro. Qui il didò è stato bandito dopo che Patasgnaffa, anni ben 5, se l’è mangiato….questo direi che se lo può pure mangiare!(magari con una certa moderazione però…)

  4. troppo bello!!!! ho tutto l’occorrente…si fa!!!!
    solo una precisazione….olio e sale dove vanno??? tutto insieme con gli altri ingredienti? Grazie mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *