Cellulite. E se diventasse iconica?

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

celluliteLa cellulite non ce l’ho ma Cristina, l’Estetista Cinica, non ha fatto la borsa con la versione ritenzione alcolica, ops, ritenzione idrica.

MA NON È QUESTO IL PUNTO.

Ho capito molto giovane di avere un senso dell’estetica un po’ diverso dalla massa: mi piaceva il ragazzo che non piaceva a nessuno e guardavo con gli occhi dell’ammirazione la ragazza più grande, che cercavo di emulare per poi scoprire che la maggior parte delle mie amiche ne copiava un’altra.

È complicato!

Il bombardamento per immagini nel quale siamo cresciute ha omologato il senso del bello e i social, che inizialmente sembravano dare la possibilità di allargare gli orizzonti, hanno finito di appiattire un po’ tutto.

Guardate Instagram, guardate le foto con più like: stesse pose, stesse prospettive, un gusto estetico che funziona seppur ripetuto all’infinito.

Paulette Magazine

Poi però succedono cose.
I grandi brand stanno impegnandosi nella ricerca di  volti e corpi sempre più particolari per le loro campagne. Vedi questo articolo QUI.
Una rivista francese, Paulette, si avvale di non-modelle nei suoi redazionali con risultati stupefacenti. Ne avevo scritto QUI
Sebbene presentino persone fuori dai classici canoni estetici, tutto risulta oggettivamente bello.

Perché?
Ci i sono lo styling, grandi professionisti della fotografia, un senso del bello comunicato ad arte. Quindi è possibile ribaltare gli stereotipi sui corpi?
Secondo me questo è il periodo giusto. E non perché si parla sempre di più di consapevolezza ma perché si può approfittare della pigrizia e della mancanza di curiosità del momento.

Se prima i social andavano alla velocità della luce, con post che apparivano e scomparivano nel giro di uno scrool, oggi le stories di instagram tengono attaccate le persone al telefono ancora di più.
È una specie di strada chiusa. Entri per dare un’occhiata e non ne esci più.
Questo sacrifica molto la ricerca per parole chiave, per colore, per tema, per curiosità.

Quindi se i “fighi” da seguire avranno voglia di proporre altro, questo è il momento giusto per ispirare a una personale ricerca del bello.
Sempre quei “fighi” potrebbero rendere mainstream un concetto che è  ancora di nicchia.
Non sarebbe rivoluzionario?

Non so se avete visto “She’s gotta have it” di Spike Lee. Trovate la serie su Netflixit.
Nola, la protagonista, è bellissima. Non è longilinea, le curve ci sono e, probabilmente, la pubblicità la vorrebbe con una taglia di reggiseno in più.
Utimamente sono davvero “in fissa” con questo tipo di fisicità.
Definisco “sono in fissa”: mi piace, mi ispira, trovo bello, mi appaga.
Perché io quelle curve non le avrò mai ma non ambisco a nulla di diverso da ciò che ho.

La borsa Cellulite dell’Estetista Cinica si ottiene con i punti fagiana acquistando sul suo e-shop –> QUI

Quindi?
Quindi trovo favoloso indossare una borsa must-have dell’estate customizzata con la parola “cellulite”: rendiamo iconiche le imperfezioni che Madre Natura ha creato. Lei si che ne sa a pacchi.

Il sedere senza imperfezioni l’ha creato Photoshop, ce l’hanno alcune sportive e poche, pochissime altre. La maggior parte della popolazione ha dei buchetti.
Se seguite L’Estetista Cinica ormai lo sapete: ci possiamo curare, coccolare per migliorarci e per accettarci ma la perfezione non esiste.
Viva viva la cosmesi quando è coccola, cura e attenzione. Abbasso il mondo beauty se diventa ossessione.

Ho scelto questa foto come principale del mio negozio: sederi, semplici, reali, veri sederi.

Restate curiose, imparate a guardare oltre e a crearvi un’idea personale del bello, vi prego.
Non aspettate che il vostro mito di riferimento scelga per voi.

E’ arrivata l’estate: scopriamoci in tutti i sensi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *