Un sogno come tanti, ma questo è il mio.

i sogni non vanno nel cassetto

Ci ho pensato tanto prima di scrivere questo post, poi ho capito che essendo nato tutto tra queste pagine, la cosa giusta da fare era condividere passo a passo tutto il processo. Prima ancora di avere una strategia, un prodotto finito, un nome, farò come sempre: seguirò la pancia, l’istinto!

Era il 2010 quando decisi di cucire la mia prima borsa per il passeggino di Leone. Imperfetta, cucita male, l’ho stra usata e dopo aver pubblicato alcune foto qui, anche se questo blog non sembra più lo stesso per quanto è cambiato e cresciuto, le misi in vendita su Etsy.
La richiesta c’era e sinceramente non ricordo nemmeno quando e perché smisi di farle.

La-prima-borsa

Credo che arrivato il momento di fare il passo, mi tirai indietro. Non ero abbastanza sicura di me, del progetto, probabilmente non avevo ancora le idee chiare. Ora però, sono pronta.

Avrei potuto pianificare un lancio col botto, sempre che mi fosse venuto in mente il come, ma se ho preso il coraggio a due mani è grazie ai vostri commenti sotto questo post –> Non ce la sto facendo. Pace

E allora eccomi: dopo averla pensata mille volte, dopo averla sognata, mi sono finalmente decisa a chiamare un laboratorio di pelletteria milanese.
Mi sono presentata lì col mio prototipo sbilenco, cucito da me, con un sacco di domande e tanta, tantissima emozione.

Dopo i primi dieci minuti di sconforto causati dalla mia poca preparazione -chiusura? tipo di pelle? canvas? rivetti?- arriva una certezza: si può fare!

tutti-i-colori-di-un-sogno

Cos’è?
Una borsa per la vita. Capiente, comoda, da portare a spalla o a tracolla, perfetta in aereo, sui mezzi pubblici, per andare a fare shopping. E se ci scappa un figlio? Si appende al passeggino. Poi, dismesso il veicolo a quattro ruote dei nostri figli, ricomincia ad essere una borsa da donna. E se ci scappa un altro figlio? Si ricomincia il giro: lei sarà sempre lì.

Cosa manca?
La sto testando.
Mancano le finiture, i particolari, che sto annotando giorno per giorno su un quadernino.
Vado in giro con la mia borsa, con e senza passeggino, la sto vivendo, mi do tempo fino a domenica: settimana prossima andrò a consegnare la lista delle modifiche e finizioni.

Manca un nome, l’ho sempre chiamata Sbag: stroller bag, shopping bag. Non si può, esiste un sacchetto per aspirapolvere che si chiama così.
Funky bag? Esiste.

Nulla di fatto: un nome ancora non ce l’ha.
Ma sto per realizzare un sogno, mi sembra già abbastanza, il resto verrà.
Tremo un po’. Togli un po’.
Per ora so che ne produrrò alcune in pelle e altre in canvas.

La-mia-borsa-sogno

Lo so, le foto non sono belle ma non avendo pianificato il post, questo è tutto ciò che ho!

Era forse presto per condividere il mio sogno? Ancora non è finita e già potrebbero copiamerla?
Chi se ne frega.

Mi siete sempre state vicine, mi avete supportato e ragalato un mestiere, se vi va, questo viaggio lo facciamo assieme, che vada bene, o che vada male.
GRAZIE
(intanto tocco il cielo con un dito)

tocco il cielo con un dito

foto di Camilla Zelda was a writer

About justine

La Funky Mama bassa, perennemente spettinata e con la manicure distrutta dal progetto d.i.y. del giorno. Mamma di Leone e Lilou, comp ...

119 thoughts on “Un sogno come tanti, ma questo è il mio.

  1. Federica

    Beh, che dire, un grandissimo in bocca al lupo Justine. Leggere dei tuoi sogni che si avverano fa venir voglia di aprire qualche cassetto! Grazie!
    ps. tra l’altro bellissima e utilissima idea, da mamma apprezzo molto!

    Reply
  2. Valentina

    Ciao, sono Valentina e ne vorrei una. Ne ho proprio bisogno, l’ho scoperto leggendo questo post. Apri le prenotazioni presto presto eh?!? Io la chiamerei Sborsa, se sbag è già preso!! Brava brava brava bravaaaaa!! Per me è un siissimo!!

    Reply
  3. Mila

    Cara Justine, sei un genio! Divento mamma tra due mesi e mi chiedevo proprio se esisteva un prodotto del genere. Borsa da donna/mamma. Ti posso mettere un po’ di fretta, così la compro quando arriva il pargolo? 🙂
    Leggo sempre il tuo blog e se c’è una cosa che emana è la voglia di realizzare i propri sogni. Brava!

    Reply
  4. raffaella

    Che meraviglia!!! la borsa…ma anche i sogni che si realizzano!!! 🙂
    per me basta passeggini..l’attaccherò alla bici! 😉
    tanti baci

    Reply
  5. Laura

    Molto bella! Curiosa di scoprire il nome che le darai 😉
    In bocca al lupo per questa nuova avventura!
    Nel mondo c’è bisogno più coraggio di credere nei propri sogni, sei un ottimo esempio! grazie

    Reply
    1. justine Post author

      Grazie a te. Sono talmente insicura che se non mi fossi esposta col blog non avrei fatto nulla <3

      Reply
  6. Sara NuvolositàVariabile

    E se la chiamassimo JU-bag?!

    Io vi seguo da quei tempi, da quei tentativi e da quelle pochette …ZZI MIEI e faccio un tifo stratosferico per te e il tuo sogno, che il caso vuole che mi torni utilissimo…sono alla caccia e lo sai di una borsa- cambio figa…ti aspetto!
    La nuova Ju mi piace così tanto!

    Reply
  7. Mimma

    Che Gioia qs post ! Che Bella qs borsa, odiavo quelle in commercio! Brava brava ! In bocca Al Lupo noi crediamo in te ! Un abbraccio

    Reply
    1. justine Post author

      La sfida sarà venderla anche a chi il passeggino non lo usa più!
      Grazieeeeeeeee

      Reply
  8. Claudia - La Femme du Chef

    Brava Justine!
    Intanto per aver deciso di provare a realizzare il tuo sogno (e mi sembra sia già diventato bello concreto) e poi per averlo condiviso con noi. Aiuta, aiuta… spero davvero che la nostra virtuale presenza ti sostenga e dia la carica giusta per affrontare gli ultimi step!
    un grande abbraccio,
    Claudia

    Reply
    1. justine Post author

      Mi sono esposta perché sapevo che qui avrei trovato il coraggio.
      Grazie sempre e complimenti, stai spaccando, grandissima!

      Reply
  9. Daria

    Vogliola!!
    Sono mamma da poco più di due mesi e ti giuro che ogni volta che esco (ovviamente mi porto dietro tutto il mondo) non sopporto dover avere sia la borsa del carrozzino che la mia.
    Falla subitissimo e scrivici come comprarla!
    È bellissima!

    Reply
  10. chiarafes

    A parte che SBAG è già un nome bellissimo. Nonostante le foto che (tu dici) non le rendono onore, me la comprerei al volo perché sembra super comoda, gigante e soprattutto funky! 😉 Non appena è pronta quella color senape, la voglio ASSOLUTAMENTE.
    Una domanda/suggerimento: per caso è anche “zainettabile”? Proprio in questi giorni pensavo che sarebbe comoda una borsa che si possa trasformare in zainetto (supercomoda anche per le mamme cicliste). Tipo se ci metti due ganci anche sotto, è un attimo… oppure potrebbe essere il prossimo progetto! Un bacio, in bocca al lupo e… viva i sogni che saltano fuori dai cassetti!

    Reply
  11. serena

    brava e un grosso in bocca al lupo. io ti seguo su instagram e mi piacciono tutte le cose che fate tu e Zeldawasawriter……

    Reply
  12. Micaela

    Funky bag è perfetto!!! L’idea è bellissima, la borsa anche e realizzare i sogni fa sempre bene al cuore!!! Un gigante in bocca al lupo!!! 😉 Un abbraccio virtuale!
    Micaela -Impastastorie 🙂 <3

    Reply
  13. francesca

    siii! e ti prego falla bella! Spaziosa, piena di tasche, ma sopratutto che te la compresti anche se non la devi attaccare al passeggino… sono passata con due nani da borse oscene a borse oscene e scomode a borse soolo belle o solo inadeguate… cioè disegnate non da chi poi le indossa davvero.. e poi si concentrati su un nome che racconti che finalmente c’è una borsa per una donna e non solo per una mamma e allo stesso tempo tempo c’è una borsa dove posso far entrare settemacchinine, otto pennarelli e 4 pupazzimostruosi..aspetto acon ansia la W+MBag…uhauhauhauhau evviva!!

    Reply
  14. Sara

    No vabbè… È fi-ghis-si-ma!!!! La vogliooooo!!!! Ma adesso, anche senza nome…
    Perché è ADESSO che sto impazzendo tra piccolo nel passeggino, grande che ti piazza in mano un centinaio di cose e scatta tipo Usain Bolt nel suo giorno migliore, e tu gli arranchi dietro trascinandoti la valigia che ti sei portata da casa per avere “tutto quello che serve e oltre”…
    Quindi me la merito!!!!! 😀
    Complimenti davvero, bellissimo sogno il tuo. Il mio da oggi è averla!

    Reply
  15. Lietta

    Ciao! sto organizzando un mercatino di cose handmade super belle e originali/di qualità a Piove di Sacco (Pd) all’interno di un festival musicale. date: 18 e 19 luglio, sera. Se ti va, potresti mettere un banchetto col tuo prototipo e per l’occasione farne un po’. Come spese credo ci sia da pagare il bollo per la domanda al comune, credo sui 30 euro. ma stiamo facendo in modo di farvi venire gratis…vediamo se riusciamo.Fammi sapere. Lietta.

    Reply
    1. justine Post author

      Grazie, il 18 suonano i Dogo, per me è sempre l’evento dell’anno!
      A parte gli scherzi, grazie ma non sarò ancora pronta! Buon mercatino <3

      Reply
  16. mariannissima

    Ricomprerò un passeggino per poterla usare in tutte le sue possibilità. Poi ci porterò dentro uno o due baccelli cuscino.
    Anzi, figo…ora che ci penso potrebbe essere il trend del momento dopo l’apetta!

    Intanto compro la sbag, sacchetto per aspirapolvere che non ho compreso. Prenoto una funky bag qualunque cosa sia e voglio a tutti i costi la tua Jubag che più tua non si può. Sbrigati però. E sappi che i sogni non si possono copiare. C’è sempre qualcosa dentro che non hai ancora raccontato. 😉

    Reply
  17. TheSlowCatwalk

    L’idea è bellissima e utile! Hai pensato di farle produrre con materiali di recupero, sia tessuti che pellami? sarebbe bello per chi la compra che la catena di produzione fosse corta e rintracciabile. In questo modo tra le tue clienti avresti anche chi si veste di moda etica e non solo chi ama le cose belle:)
    Se la fai così giuro che te la compro 😀
    Abbiamo anche lo stesso passeggino !
    Sandra

    Reply
    1. justine Post author

      Eh, non è semplice per i materiali di recupero, ci ho pensato, ci vuole molta ricerca e avrebbe rallentato ancora il tutto, calcola che ci penso da 5 anni.
      Quello che non escludo è che sia un step successivo!Intanto la borsa è prodotta a Milano, è già una catena di produzione corta, per me è già qualcosa.
      Speriamo si possa sognare più in grande!

      Grazieeeeeeeeeeee

      Reply
  18. Vivix

    Fucking genius u r !! Solo una Mamma e una donna pratica poteva avere questa idea semplice e geniale ! La scoperta Dell acqua calda che rivoluziona il mondo ! Da maniaca delle borse capienti, con due bimbi, sempre piena di troppe borse, ti assicuro che la comprerò ! Sei da ammirare, davvero una funky Mama !

    Reply
      1. Vivix

        Comunque ego a parte jubag mi piace un casino come nome ! Oppure la funkypurse. Propongo referendum web popolare per la scelta del nome

        Reply
  19. uncinettoimperfetto

    Io la compro,mettimi in lista d’attesa ! Moschettoni top!E dettagli fluo,mi raccomando!

    Reply
  20. Serena

    Io la trovo fighissima…. me la fai con le cuciture di un colore diverso?
    Il nome Ju-bag per me è perfetto, grande Sara! 🙂
    baci

    Reply
    1. justine Post author

      Non me la sento, poi dovrei comprare casa al mio ego, sarebbe paradossale visto che il resto del corpo vive in un appartamento in affitto!
      buahhaha

      <3

      Reply
  21. Silvia

    Non spingo passeggini da due anni, ma quella borsa mi è saltata subito all’occhio quando hai pubblicato su instagram la tua partenza per Genova, è meravigliosa. Un grande in bocca al lupo!

    Reply
    1. justine Post author

      La sfida è quella, non una borsa passeggino, una borsa per tutte le tappe della vita, quelle in cui serve una borsa grande!

      <3

      Reply
  22. Silvia

    Bellissima! Se hai bisogno di “testatrici” che ti diano qualche spunto su modifiche e finizioni eccomi [che non è un tentativo di avere la borsa a scrocco, sia ben chiaro, la pagherei!] 🙂

    Reply
      1. Silvia

        Uno spunto per il naming: visto che saranno prodotte a milano, con una filiera assolutamente corta, pensa a qualche parola milanese che può essere simpatica. I dialetti offrono spesso soluzioni azzeccate e spassose!

        Reply
  23. Brunhilde

    Non complimenti, di più! Complimentoni, standing ovation, mazzi di rose!!
    Perbacco, io la bramo già. Rossa, in pelle, ovviamente (si possono anche personalizzare)?
    Sbav…

    Reply
    1. justine Post author

      <3 Settimana prossima metto il turbo!
      Mi hanno già chiesto se la faccio produrre eticamente, cercherò quindi di non ammazzare di richieste i poveri artigiani milanesi che hanno a che fare con me. Non è vero li stresserò finchè non le vedrò finite!
      ahahaha

      Reply
  24. Laura

    ma sai quanto l’ho cercata una borsa così quando ho avuto Margherita!!!!
    ora mi tocca comprarla…o fare un altro figlio…;)
    in bocca al lupissimo…

    Reply
  25. Erika

    Non ci conosciamo. Non sono tra chi ti segue da sempre. Sono amica di un’amica, diciamo così. Ma mi commuovo ogni volta che incontro una donna coraggiosa che prende il proprio sogno, ci lavora e lo fa diventare realtà. Non è facile, alcune volte la vita è sconfortante, ma è anche bello ed esaltante seguire ciò che sentiamo pienamente nostro. Anche io ci sto provando e so quindi cosa significa. Quindi in bocca al lupo cara Justine. Che tutte l’energia femminile ti avvolga e ti sostenga.

    Reply
  26. Veronica

    La posso comprare anche se non ho in programma altri passeggini??!! Forse funziona anche da carrozza…
    Vai Ju, daje tutta!!!!
    Firmato
    Un’inseguitrice di sogni Senior

    Reply
  27. Ante@

    Brava anzi bravissima!
    Ti seguo da un anno tanto da considerarti una mia “amica” e che dirti…Ti ammiro per questo sito bellissimo che porti avanti, per i tuoi progetti e per questo tuo sogno che sei riuscita a realizzare!
    In bocca al lupo per tutto piccola grande donna!
    🙂

    Reply
  28. Valeria Piludu

    Mi sento emozionata per te, per il tuo coraggio, per aver ripreso il tuo sogno in mano e per crederci così fortemente. Io non uso più il passeggino ma sono sempre alla ricerca di una borsa comoda, capiente, che se non pienissima non cambi troppo aspetto (tipo gabs per intenderci, bellissime ma appena le svuoti un pò restano tutte storte) ma che la si possa riempire di: Scatoline per la merenda, quaderni per colorare quando sono in attesa che una delle mie belvette finisca l’attività sportiva e l’altra si annoia, beauty per me, perchè si esisto anche io, ecc ecc…
    Sono alla ricerca di questo, spero di averti suggerito una cosa utile e magari proprio la tua borsa farà al caso mio.
    Qui in attesa su come andrà ti ammiro perchè il mio di sogno l’ho un pò accantonato, il mio blog langue un pò, i miei bimbi stanno bene ma vorrei stare bene anche io.
    Un grande abbraccio! …qualcuno diceva: “Che la forza sia con te!”…
    Valeria

    Reply
  29. Viviana

    un post emozionante. un’avventura che inizia: in bocca al lupo a te e a tutte le persone che svuotano i propri cassetti liberando i sogni.

    Reply
  30. fiorella

    Bellissima !! complimenti per l’idea, per il coraggio e in bocca al lupo.
    Le borse per i passeggini sono comodissime, io, che non uso più il passeggino da 5 anni ne ho 2, una per le giornata in giro con mio figlio, piena di cambi, merende, acqua, salviette… l’altra la uso come bagaglio a mano in aereo. Però sono brutte, anonime e con la faccia da “borsa da pannolini”. Questa è decisamente funky !!! prenotata 🙂

    Reply
  31. ela

    non sono ancora mamma… ma questa borsa è bellissima a prescindere dal passeggino! è la borsa della vita per una come me, sempre in viaggio e con la sindrome di Mary Poppins.
    Chiamala dream bag o anche Luisa … ma dimmi quando e dove protrò comprarla 🙂
    Complimenti a te! ci vuole coraggio e anche un po’ di incoscienza a volte ma SI PUò FARE!! grazie per avere condiviso questa tua storia.

    Reply
  32. laura

    brava donna!
    mi piace la tua sbang bag (il nome è venuto dalla tastiera e non da me, mi fa ridere e lo lascio lì). E che bello il sogno che diventa vero. Ti leggo e ti ammiro.
    !

    Reply
  33. chiara

    Ciao! bellissima! falla presto che la compro subito. Anzi 2 anche per mia sorella. l’importante è che ci metti la cerniera che chiuda tutto mi raccomando.. che per treno, aereo etc… è indispensabile.

    Sei brava e coraggiosa! sono sicura che avrai successo.
    baci … ma arriva prima dell’estate? 🙂

    Reply
    1. justine Post author

      assolutamente chiusa con cerniera!

      Settimana prossima sarò in grado di dare delle info più precise!

      Grazieeeeeeeee

      Reply
  34. Genitorialmente-Manu

    Davvero bella. L’idea è buona. Mi viene da pensare alla borsa che avevo io e che dopo ho dovuto abbandonare, è un peccato perchè era piena di ricordi. La tua idea permetterà alle mamme nostalgiche come me di portarci dietro i nostri ricordi anche quanto il passeggino non ci serve più.
    E con gran classe direi
    Manu

    Reply
  35. WLeDonneParoleinrete

    Ciao! Siamo un gruppo di donne speciali (condotto da una psico funky che ti può aiutare nel sostenere il nuovo ego!!!) e abbiamo parlato a lungo di borse e del significato che hanno per le donne dai 5 ai 100 anni….
    Ti sosteniamo e attendiamo presto di poter avere la nostra Strabag, Ju-bag, cmqbag… 🙂
    Qui molte carrozzine (mooolto fuori età per i passeggini) ma i moschettoni sono perfetti anche per queste. Ci avevi pensato?
    Baci!!!

    Reply
  36. Chiara

    Anche io la voglio!!!!! Sono mamma di due pesti e lavoro come medico; viaggio in treno e dentro la mia borsa ci devono stare, oltre ai documenti di lavoro, il kindle, le macchinine e i dinosauri di Umbe, le bamboline e i cerchietti di Marghe, il tablet, le salviettine umide, il cellulare, il portafoglio, il pannolino di scorta per Umbe, la trousse dei trucchi…ecc ecc…insomma non posso girare col trolley..per cui ho bisogno di questa borsa! Quindi…quando la posso comprare????
    Ahn…sei troppo avanti! Ti stimo!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *