La scelta

Si chiama Devi, ha compiuto  30 anni.

Origini indiane, pelle colore mattone con una punta di corallo. Si nota se la guardi di traverso mentre viene attraversata dalla luce della bolognina, quartiere in cui viviamo entrambe.

Ci siamo conosciute grazie a noi nostri figli. Un pomeriggio di fine primavera, il suo nota la mia (che al solito blaterava qualcosa, come una vecchia bisbetica) e io senza girarmi, sento una voce di mamma che con dolcezza gli dice: “Si, una bimba, più piccola di te.”

Poi mi volto e noto questi occhi grandissimi, di bimbo. Mi colpiscono, mi volto ancora e torno a pedalare.

Poi un direct.

“Hei ma tu sei Azeb? Scrivi sulle funky?”
“Si.”

Cavoli, è la prima volta che qualcuno mi riconosce (momento di pietoso orgoglio). Tanto bla bla bla. Scopriamo di essere vicine di casa, quasi coetanee, un figlio a testa. Una passione per la scrittura, figlie adottive, mamme con la pancia.

Diverse, molto diverse. Ma accomunate da piccole cose, che non saprei neanche elencare. Ma so che ci sono.

Si chiama Devi e le piace fare colazione al bar. Che a volte sceglie il punto del bar con la vetrata, lo fa per la luce, sicuro. Ma anche per potere leggere il giornale e contare le ombre di chi passa fuori.

Altre volte sceglie l’angolino, così sembra tutto più piccolo e i pensieri si disperdono meno.

Scrive Devi, se le chiedi cosa fa nella vita ti dice che sta lavorando a dei progetti. Che ha scelto di provarci a fare della sua passione e del suo talento, un mestiere. Come dicevano le nonne.

Una voce particolare, di quelle in cui si sono mischiati vari sapori, vari accenti. Una di quelle che in radio ti fermi ad ascoltare.

Sono fissata con le voci, la mia esperienza radiofonica mi ha alterato il senso dell’udito e spesso il timbro è la prima cosa che noto.

Mi piacerebbe ascoltarla senza guardarla? Mi chiedo spesso.

Devi, non è sempre felice. Ma sorride sempre.

Perché ha scelto di usare la bellezza come punto di vista. Perché usa le parole per raccontare e raccontarsi. Per scrivere storie nuove che le diano futuro.

Perché il suo passato non è sempre stato sorridente.

Perché ha un figlio e con il suo compagno sono una famiglia. E questo è ciò che conta.

Ché in fondo non è sempre facile, ma prima del fondo c’è la Vita.

Che lei declama e ammira.

Perché si nutre di primi passi e primi traguardi che suo figlio le regala ogni giorno. Di cambi di stagione che lei ama molto, di maglioni e sciarpe colorate che indossa con fierezza.

Di desideri nascosti di piccoli cambiamenti.

Di quel ciuffo blu che vorrebbe vedersi, ma che non ha ancora il coraggio di fare. Che arriverà.

Che mi manda le foto del rossetto che le ho consigliato e che le sta un incanto.

Che la sera ci scambiamo messaggi, su quello che stiamo vivendo, che stiamo leggendo o scrivendo.

Si chiama Devi e  ha scelto di occuparsi di adozione, di farlo con la serietà di chi sa che in questo Paese se ne parla male, poco e in modo superficiale.

Lei ne parla bene, perché  ha scelto di parlarne come scelta. La Scelta di vita.

Dove dietro ci sono persone. La scelta di chi sa che deve impegnarsi e sapere.
Lei ha scelto di formarsi e di formare. Che non significa solo raccontare la sua storia, perché quella è Sua.

Ma raccogliere storie di Vita e farne letteratura.

Si chiama Devi, ha origini indiane, pelle color mattone con una punta di corallo, si nota se la guardi di traverso mentre viene attraversata dalla luce della bolognina.

Una pelle bellissima perché si cura con un quotidiano ricco di passione, un futuro di incertezze e una curiosità illuminante.

Il suo blog —> Come se

Un sito interessante sulle adozioni –> Italia Adozioni

 

Consigli beauty

Per Devi ho scelto alcuni prodotti che possono aiutarla e conciliare la sua vita di mamma e free lance con il desiderio di bellezza e cura

Cura della pelle

Olio detergente Collistar – Perfetto per pulire il viso e per trucchi leggeri. Lo consiglio da associare ad una bella maschera una volta a settimana che poi la pelle è perfetta

Scrub quotidiano di Clarins – Questi esfolianti delicati sono i mie preferiti, sopratutto la mattina, perché ti danno la sensazione di pulizia ma non ti affaticano la pelle.

Maschera peel-off arricchita con estratti di polvere d’oro 24 K e di zucca gialla. Semplicemente da provare.

Makeup

I prodotti che ho scelto per lei sono dei tuttofare. I miei prodotti preferiti perché riesco ad usarli per più cose.

Due sono delle ciprie e io le uso come leggerissimi fondotinta. Alla fine è un po’ vera la storia che con la pelle scura la vita di una donna è più semplice. Questi due prodotti li ho usati molto anche in estate. Coprenza leggera, impalpabile sul viso e molto resistenti al sudore

Questa palette di blush di Nyx è quello che uso ogni giorno per occhi e viso. Scelgo un colore e lo metto sulle palpebre e con lo stesso pennello mi coloro leggermente le labbra. Trovo che così il trucco sia più fresco e naturale e sopratutto in 3 minuti ho finito il trucco mattutino.

Per quanto riguarda gli occhi, non ho idee precise sui mascara. Ne sto testando alcuni, di cui magari vi parlerò, appena avrò le idee chiare ma posso assicurarvi che se non mettete prima il primer di Dior tutto il resto è noia. Le vostre ciglia saranno allungate e nutrite in un secondo. E un piccolo segreto che ho scoperto al 5 acquisto è che si può usare come curativo per ciglia, da mettere la sera prima di andare a letto

Ed infine per le labbra consiglio questo burro cacao/scrub al miele di Sephora che va mangiato..ops..usato tutti i giorni ogni minuto (volendo) e rende le labbra super morbide. E in aggiunta questi nuovi lip balm di Sephora  leggermente colorati che danno morbidezza e luce alle labbra, se non si ha voglia di rossetti.

Infine, cara Devi, scegli ciò che ti fa stare bene, scegli ciò che senti tuo.

E poi, osa.

Azeb footer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *