Gli anni in tasca dei Topipittori

Se avessi scoperto il segreto delle parole, pensavo, il mondo delle favole sarebbe stato mio
Miralat, Diego Malaspina (Topipittori)

Gli anni in tasca | Le Funky MamasBuongiorno a tutti!
Qui Camilla di Zelda was a writer, pronta per raccontarvi di una bellissima scoperta editoriale!
Da qualche giorno gravitano sul mio comodino due libri dalla copertina colorata e invitante, si tratta di Miralat di Diego Malaspina (dai 12 anni) e di Piccolo Grande Uruguay di Alicia Baladan (dai 10 anni).
Entrambi editi da Topipittori, fanno parte de Gli Anni in Tasca, che ha vinto il Premio Andersen (2010) come migliore collana di narrativa e che vi consiglio senza indugio alcuno (qui potete scaricare il meraviglioso catalogo)!

Gli anni in tasca | Le Funky MamasIn cosa risiede la specialità di questa collana?
Di far parlare gli adulti. Di permettere loro di raccontare due dei periodi più importanti della vita di una persona: l’infanzia e l’adolescenza. Di farlo con estrema libertà, cercando di ricordare quel particolare sguardo sul mondo, scanzonato e speculativo, che ha caratterizzato le prime grandi avventure di tutti noi, sullo sfondo di cambiamenti storici epocali, di tragedie insensate o nel pieno di un contesto sociale troppo spesso indifferente al nostro bisogno di evoluzione e risposte.gli-anni-in-tasca-2 I bambini ci guardano, recitava il titolo di un film che non smetto mai di citare, ma cosa hanno visto i bambini che siamo stati? E quanto il nostro essere attuali adulti – il tentare di esserlo perlomeno – ha filtrato, compreso e allontanato da quei due periodi tanto essenziali e variopinti?gli-anni-in-tasca-6gli-anni-in-tasca-5C’è un progetto meraviglioso, divenuto presto un’antologia, si chiama Dear teen me e vi consiglio di buttarci un occhio.
Gli autori scrivono agli adolescenti che sono stati per raccontare loro – e di conseguenza alla parte più poetica e incontaminata che li caratterizza – come andrà, per suggerire di non darsi troppa pena o di non disperdere l’energia, di buttarsi, di crederci, di non smettere di tentare. Alcune di queste lettere sono dei veri concentrati di emotività e passione, cose che andrebbero sempre tenute vicine al proprio baricentro emotivo. Come dovrebbe capitare con i libri di Gli anni in tasca. Con tutti, nessuno escluso.
gli-anni-in-tasca-8gli-anni-in-tasca-7Per non dimenticare che la fatica che abbiamo fatto per autodeterminarci non deve mai smettere di essere rispettata e alimentata, per ricordare (SEMPRE) quanto uno scanzonato punto di vista sulle gioie e i dolori di questa nostra missione chiamata Vita – gioie sacrosante e dolori democratici – possa salvarci, non regalando risposte definitive ma alimentando sorrisi e creatività.

In Piccolo Grande Uruguay troverete il sentimento di autoconservazione e la tenacia più poetici che si siano mai visti in un libro per ragazzi e Miralat parlerà alla vostra diversità, raccontandovi quanto sia liberatorio e civile seguire pulsioni e battiti del proprio cuore.

E per festeggiare un’intuizione editoriale tanto riuscita, vi dico che da domani sarà possibile acquistare anche Gli amici nascosti di Cecilia Bartoli (dai 6 anni), ultimo colorato tassello della proposta, tutto dedicato alla ricerca di un nuovo mondo a cui regalare i propri sogni di realizzazione e amore.Gli anni in tasca | Le Funky MamasChe sia una splendida settimana per tutti voi!
Camilla
Zelda was a writer

About Camilla

Sono nata totalmente priva di una qualsiasi forma di sintesi e intorno ai 5 anni parlavo come Nembrot, spargendo morti e feriti tra chi ...

6 thoughts on “Gli anni in tasca dei Topipittori

  1. Lorenza

    Bellissimi Camilla!!! Corro a cercarli…. finito di leggere Il Mio Amico Asdrubale che avevi consigliato….piaciutissssimo.
    Buona settimana 🙂

    Reply
    1. Camilla Post author

      Grazie Lorenza!!!
      Sono davvero felice per il Mio Amico Asdrubale!
      Qui l’età dei lettori si alza un po’… Diciamo che sono godibilissimi anche per noi ex bambini!
      Mille baci e buona settimana!

      Reply
  2. Paola

    intanto visti così sono proprio belli, e anche il nome della collana è suggestivo..metto in lista, grazie! 😉
    ps: ma chi fa quei bellissimi anelli con le lettere che vedo in foto?

    Reply
  3. Massimo

    Ti ringrazio infinitamente anche a nome di Diego e dei Topipittori per questo bellissimo articolo

    Massimo

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *