Outfit furbi, belli e con un qualcosa in più…

Siamo cresciuti con Chicco.
Collaborando ormai da diversi anni, abbiamo testato di tutto. I passeggini di Leone tanti anni fa ma abbiamo poi vissuto l’evoluzione con i trio della mia piccola.
Sappiamo tutto delle ricerche e provato con “piede” i risultati degli studi applicati alle calzature per i più piccoli.
Tettarelle, biberon, tazze evolutive (link al post precedente).
Quindi, quando ho letto il nome della nuova collezione di abbigliamento sulla cartella stampa e la descrizione, non ho potuto che constatare che la coerenza c’è.

“Liberi di fare i bambini.”
Infatti, oltre agli accorgimenti per creare sempre capi di abbigliamento che siano adatti per giocare, correre e vivere le varie tappe evolutive, sono state introdotte anche diverse taglie intermedie.
Un prodotto sempre più curato per le esigenze di tutti.
La qualità c’era già ma da quest’anno si aggiunge la certificazione OEKO-TEX sui corredini (tutine, cappellini, copertine). Si tratta di un sistema di controllo indipendente che verifica la qualità del processo di lavorazione del capo.
Nessuna sostanza chimica dannosa nei capi dei più piccoli e la certificazione di sicurezza ecologica in tutta la filiera produttiva.

Oeko-Tex
Ma tornando ai bimbi un po’ più grandicelli. Vi passo un’informazione che sui canali Chicco non troverete: nonostante tutto, sono capi che sopravvivono a lungo.
Dove per nonostante tutto, intendo i miei figli.
Siamo spesso fuori, anche quando fa freddo. Abbiamo la possibilità di stare tanto all’aria aperta e quindi: cadere, sporcarci di erba bagnata, fango e qualsiasi cosa macchi peggio dell’inchiostro usato per i tatuaggi.

Per questo, per Lilou e Leone, ho scelto due outfit che ingannano.
Un completo blu con dettagli in oro, che sembrano un giacchino con pantalone coordinato ma anche alla fine della fiera hanno lo stesso utilizzo di una tuta, in morbido jersey.

Stessa cosa per Leone.
Blazer sì, ma morbido, morbido. Pantaloni tagliati come vuole la moda del momento con il grande ritorno dei tasconi da pantaloni cargo ma alla fine comodi come dei joggers. Il tutto con maglietta a maniche lunghe abbinata.

Per entrambi due classiconi per giacca: il trench, per Lou, una versione da barca a vela, per Leo.

Outfit furbi. Di quelli che piacciono a loro, per la comodità, ma che piacciono anche ai nonni per il pranzo della domenica. Per intenderci.

Vi lascio con una carrellata di abbinamenti che mi sono piaciuti tanto tanto tanto.

E voi donne, ditemi, cosa dareste per trovare un trench con quella forma lì?

Chicco
sito–> QUI
facebook –> QUI
instagram –> QUI

 

About justine

La Funky Mama bassa, perennemente spettinata e con la manicure distrutta dal progetto d.i.y. del giorno. Mamma di Leone e Lilou, comp ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *