3 ore di me più 1 al mirtillo.

E’ la prima volta che vengo coinvolta in un progetto per raccontare sì un prodotto ma anche qualche retroscena della mia nuova vita lavorativa.

La soddisfazione è tantissima e devo dire che per me è un evento molto importante.

4 ore.
Questo è il tempo che il nuovo Activia da bere può vivere una volta tirato fuori dal frigo.

4 ore.
Le mie, quelle più preziose.

Non è un segreto che io mi svegli prestissimo. Da quando ho iniziato con costanza a praticare sport il mio corpo si assestato in una nuova linea temporale, o forse è solo una fase dovuta all’età, non saprei dirlo con certezza.
Ho cominciato così a svegliarmi naturalmente, senza sveglie, tra le 5 e le 5.30 del mattino.

La scoperta di quelle ore è stata meravigliosa.
La casa è silenziosa, tutti dormono a parte LaGaia che appena mi sente zompare giù dal letto si presenta davanti alla sua scodella scodinzolante.

Caffè sul fuoco, mi ritrovo a dover togliere tutte le cose lasciate sul tavolo la sera prima…
Sì, perché finisce sempre che prima di andare a dormire io mi debba appuntare qualche cosa sulla collezione: non importa che sia una serie Netflix, la frase di un libro o un ritaglio di giornale, tutto mi porta sempre lì.

Credo sia normale quando sei immersa capo e collo in qualcosa che ti entusiasma da capo a piedi.

Non sempre riesco a fare la colazione che vorrei nonostante la sveglia. Mi piace ciondolare, fare una doccia lunghissima e semplicemente, fare con estrema lentezza.

Il momento in cui si svegliano i miei figli arriva in un batter d’occhio e così è stato la mattina che ho vissuto le mie 4 ore con Activia.

Appunti riordinati.
Doccia.
Caffè + pappa Gaia.
Porta i bambini a destinazione ma prima di uscire tira fuori Activia da bere dal frigo e via.

Non ho mai preso la patente quindi sfrutto i tempi morti in metropolitana per riordinare le idee e, solitamente, a schematizzare quel che c’è da fare.

Poi, la sorpresa organizzata dal brand: un Tram vecchia Milano, con tutta la sua storia negli interni senza tempo e nelle sue sedute vintage irresistibili ma con un plus galvanizzante!
Ho avuto la grande fortuna di scorrazzare per il centro di Milano seduta su splendidi cuscini colorati con tanto di cuffie senza fili che trasmettevano bellissime playlist create da Radio 101.

Io, la mia Milano la amo. Ho pensato che sarebbe pazzesco poter viaggiare sempre così.

Allo scoccare della quarta ora ho bevuto il mio Activia da bere, gusto mirtillo e ho pensato al progetto: comunicare le 4 ore fuori frigo vivendo le mie tre ore di quotidiana normalità e una con un’esperienza in tram.

“It was a good day” cantava Ice Cube.

About justine

La Funky Mama bassa, perennemente spettinata e con la manicure distrutta dal progetto d.i.y. del giorno. Mamma di Leone e Lilou, comp ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *